Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 24 novembre 2017 - Ore 02:54

Pesticidi e sicurezza alimentare, lo Sportello dei Diritti lancia l'allarme

Pesticidi e sicurezza alimentare, lo Sportello dei Diritti lancia l'allarme

Lecce - Lo “Sportello dei Diritti” punta il dito contro le importazioni "dirette" di verdura per via aerea che sono entrati nel mirino dei controllo della vicina Svizzera ma che coinvolgerebbero anche il mercato UE e quindi il Nostro Paese. Secondo quanto è dato apprendere dalla stampa elvetica, in un terzo dei campioni di verdura esotica importati dall'Asia sarebbero state misurate concentrazioni eccessive di pesticidi. Molte delle verdure utilizzate per cucinare specialità asiatiche vengono importate da grossisti, come pure da piccoli importatori, su aerei diretti agli aeroporti europei. In questo modo vengono raggirati i controlli sistematici effettuati alle frontiere dell'UE. I laboratori di analisi degli uffici di frontiera hanno esaminato campioni di verdure esotiche misurando concentrazioni di pesticidi superiori al consentito. Su alcuni campioni di ortaggi cinesi importati dalla Malaysia sono stati trovati 16 diversi tipi di pesticidi.

Concentrazioni eccessive, che potrebbero danneggiare la salute dei consumatori, sono state misurate anche in peperoncini importati dalla Thailandia, dall'India e dallo Sri Lanka, come pure in campioni di spinaci sedano e aglio prodotti in Thailandia.

Per Giovanni D'Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” questi dati dovrebbero inquietare e non poco le autorità europee e nazionali addette ai controlli anche perché ad essere interessati sono i nostri aeroporti dove frutta e verdura arriva a bordo di cargo che continuamente fanno la spola tra i paesi di produzione e l’Europa.

È noto che in alcune nazioni gli standard di coltivazione di ortaggi e prodotti della natura è notevolmente inferiore a quelli europei con la possibilità di utilizzo pressoché indiscriminato di pesticidi tossico-nocivi che possono arrivare sulle nostre tavole e quindi nei nostri organismi.

Per tali ragioni, come già anticipato per altre vicende che riguardano l’importazione di prodotti commestibili da Paesi extra UE ci chiediamo se non sia giunta l’ora di intensificare i controlli sbarrando la strada a tutti quegli importatori che violano i nostri standard posti a tutela della salute per chi vive nell’area UE, anche se vi è da dire che quella dell’eliminazione dei pesticidi dovrebbe essere una battaglia globale anche a tutela delle popolazioni di quei Paesi ove gli stessi sono tutt’oggi utilizzati in maniera indiscriminata con gravissime conseguenze per gli autoctoni.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner