Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 22:20

Tenta d'impedire un illecito e lo aggrediscono con calci e pugni. Denunciati

Tenta d'impedire un illecito e lo aggrediscono con calci e pugni. Denunciati

Porto Cesareo - Pescare nell’ambito di una “marina protetta” si può, a patto di sottostare ad appositi permessi e a una normativa minuziosa.

Alla regola non sfugge l’“Area Marina Protetta” di Porto Cesareo, alla cui gestione sovrintende un apposito Consorzio partecipato dai Comuni di Nardò e Porto Cesareo, nonché dalla Provincia di Lecce. E a cui addetti è anche affidato il controllo su quanto avvenga lungo la costa dell’area, a cominciare da qualsiasi attività connessa alla pesca. Ed è quello che ha provato a fare uno degli addetti di quell’Ente, questa mattina, con un finale però decisamente imprevisto e doloroso. Il giovane, intorno alle 11, era appena arrivato in località S.Isidoro (agro di Porto Cesareo) quando si è imbattuto in un pescatore, il quarantasettenneenne F.N., che stava imbarcando delle reti su un piccolo natante da diporto.

Il problema è che quel gesto è illegale (è infatti vietato detenere attrezzature per la pesca professionale – quali appunto le reti – su una barca da diporto, al massimo utilizzabile per la pesca sportiva) e perciò il controllore ha provato a far interrompere quell’operazione.

E qui sono iniziati i guai, sfociati in una denuncia sporta ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Campi Salentina e alla Stazione CC Porto Cesareo.

Secondo quanto denunciato, F.N. non solo avrebbe continuato imperterrito nella sua opera, ma avrebbe anche apostrofato l’interlocutore e l’avrebbe minacciato di colpirlo con un remo se non si fosse allontanato.

L’addetto del Consorzio si sarebbe spostato di qualche metro da lì, temendo conseguenze ulteriori, per avvertire i propri responsabili della questione e ricevere istruzioni.

In quei pochi muniti sarebbe sopraggiunto F.A., 49 anni, fratello di F.N., che a mo’ di sfida avrebbe chiamato a sé il controllore, a quanto pare “colpevole” di aver sollecitato il rispetto di una normativa.

Una volta avutolo a portata di mano, però, F.A. lo avrebbe colpito a pugni e trascinato per terra; poi entrambi i fratelli avrebbero continuato a colpire il giovane sempre a calci e pugni, mentre si trovava a terra, sino a quando solo l’intervento di alcune persone presenti nei pressi avrebbe in qualche modo fermato l’aggressione.

Il controllore si sarebbe quindi rifugiato sul furgone su cui viaggiava e si sarebbe allontanato per sporgere denuncia, oltre che per sottoporsi alle cure dei sanitari (guarirà in 10 giorni).

Immediato l’intervento di militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Campi Salentina, oltre che della stessa Stazione di Porto Cesareo, che in pochi minuti hanno individuato F.N. e, per gli accertamenti, lo hanno condotto nella locale caserma; lì, dopo circa un’ora, si è presentato anche F.A..

È allora cominciato un lavoro certosino di indagine condotto anche tramite l’ascolto di alcuni testimoni.

Alla fine, i due fratelli (che annoverano piccoli precedenti di polizia) sono stati denunciati in stato di libertà per lesioni aggravate.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner