Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 06:19

Commercianti e residenti di Torre Chianca in rivolta

Commercianti e residenti di Torre Chianca in rivolta

Lecce -

Nonostante le innumerevoli segnalazioni fatte pervenire presso il Comando dei Vigili Urbani di Lecce e presso gli assessorati competenti ed in particolar modo presso l'assessorato alle Politiche Ambientali guidato da Andrea Guido, Torre Chianca (marina di Lecce) rimane nel degrado più assoluto ed è inoltre da mesi letteralmente "invasa" da un campo nomadi che inquina (gettando rifiuti nel canale IDUME che è parte fondamentale del parco protetto del Rauccio, vedi foto allegate) e provoca problemi ambientali e di sicurezza per le famiglie residenti, per i commercianti ed i turisti. Questa è la denuncia dei residenti ed i commercianti di Torre Chianca che tuonano contro il comune ed i politici e che lunedì mattina si recheranno in procura per sporgere un ufficiale esposto. 
Questa è la triste realtà che vivono residenti e commercianti tutto l'anno sulla marina dimenticata ed abbandonata da politici ed autorità. "Torre Chianca già si trova in una situazione di grave disaggio a causa delle dissestate ed allagate strade inclusa Via delle Mimose, che è quella principale, dove fra l'altro passano i mezzi del trasporto pubblico urbano. Queste strade, che sono prive delle adeguate pendenze, si trasformano in conche d'acqua stagnante che insiste, da e per diversi mesi, proprio a ridosso delle abitazioni, impedendo di fatto ai residenti di uscire dalle proprie case, fino a quando il gran caldo non le prosciugherà per forza di cose. Una situazione, questa, che si verifica inverno ed estate e che crea enormi difficoltà ai commercianti ed ai residenti, i quali devono fare i conti con l'acqua stagnante per mesi, con gli annessi problemi di igiene e di insetti." 
Nulla è stato fatto nonostante le promesse elettorali dell'assessore Gaetano Messuti, dicono i residenti, che pubblicamente promise una risoluzione immediata e definitiva sin dal passato luglio (in periodo pre-elettorale), mentre la situazione non solo non è cambiata ma è notevolmente peggiorata, con la dipartita totale del sopra citato assessore.
Mentre l'assessore Guido organizza "scampagnate ecologiche" e si fa riprendere ed intervistare dalle TV locali con la vanga tra le mani, mentre si accinge per due minuti (giusto il tempo delle riprese televisive e fotografiche) a "spalare" la sabbia per liberare il fiume Idume al fine di evitare inondazioni in casa dei residenti nei pressi dell'Idume (a causa della mancata ed adeguata pulizia dei canali di sbocco delle acque), la situazione a Torre Chianca peggiora di ora in ora. "Abbiamo dato un'immagine devastante di questa zona ai molti turisti che per Pasqua si sono recati nella marina", ribadiscono i commercianti. 
Accanto al campo di calcetto realizzato dal comune ed abbandonato subito dopo dallo stesso, sorge un B&B ed altre attività commerciali. Peccato che accanto a queste attività si estende un "campo nomadi" abusivo con tanto di camper parcheggiati da mesi e panni stesi dalla mattina alla sera. Come se non bastasse i nomadi presenti gettano i loro rifiuti nel canale antistante il campo, dove scorrono le acque del fiume Idume, già invaso e devastato dalle canne e dalla sporcizia, nonché dalla noncuranza del comune che non provvede alla adeguata pulizia dei canali da anni. Questi canali e loro acque sono da mesi ulteriormente e gravemente inquinate a causa dei rifiuti derivanti dal campo nomadi.
Tutto questo sta provocando danni enormi alle attività commerciali presenti sul posto che sono costrette a fare i conti con i cattivi odori e pessime condizioni igieniche, oltre che con la paura di essere aggrediti da personaggi poco raccomandabili che si aggirano per le strade della marina.
 
Sarebbe auspicabile, quindi, secondo i commercianti ed i residenti, che i politici interessati e prima citati non si limitassero a ricoprire le buche per la manutenzione durante l'estate e non si facessero vedere solo a scopi elettorali, ma che prendessero provvedimenti immediati per garantire la sicurezza delle persone e dell'ambiente. 
Avevamo promesso in passati comunicati di non voler fare polemica, continuano i residenti ed i commercianti, ed è questa la nostra intenzione, ma viste le condizioni ed i fatti ci rivolgiamo direttamente al Primo Cittadino, affinché possa garantire quell'ordine pubblico e quella civiltà ambientale di cui, in qualità di sindaco è responsabile in prima persona, inoltre gli chiediamo di non essere trattati da cittadini di serie B solo perché siamo lontani dalle mura leccesi.
Residenti e commercianti riuniti in un comitato spontaneo attendono urgenti risposte e risoluzioni immediate ai problemi citati, che sono solo alcuni che insistono nella bellissima marina di Torre Chianca. Per info 3209654097Errico Grasso residente e promotore comitato spontaneo di Torre Chianca.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner