Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 13:47

Clonava i bancomat per prelevare denaro. Arrestato 25enne rumeno

Clonava i bancomat per prelevare denaro. Arrestato 25enne rumeno

Lecce - Il 27 febbraio scorso, il personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto, in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Lecce in data 2 2 novembre 2010, il latitante Costantin Daniel Zmaranda 25enne, di nazionalità romena, rintracciato in Romania ed estradato grazie alla collaborazione con quelle autorità, a seguito di mandato di Arresto Europeo.

Il ZMARANDA risultava indagato perché (in concorso con un altro soggetto, di nazionalità romena, ancora latitante) mediante un telefono cellulare occultato ed una piccola apparecchiatura attaccata in corrispondenza della fessura per l’inserimento delle tessere bancomat nella postazione di una filiale di un Istituto Bancario salentino, si procuravano i codici PIN e le sequenze numeriche di tessere bancomat altrui.

In particolare, i due rumeni, in data 16 ottobre 2010, sono stati arrestati, in flagranza di reato, da personale del Commissariato di Galatina, nell’atto di captare i codici PIN e le sequenze numeriche presso una postazione bancomat della cittadina.

In sede di udienza, il GIP convalidava l’arresto in flagranza di reato dei due malviventi ma rigettava la richiesta del P.M. di applicazione di misura coercitiva.

Le ulteriori indagini, espletate dal personale di questa Squadra Mobile, consentivano al P.M. di richiedere ed ottenere la misura cautelare in carcere.

Gli investigatori della Squadra Mobile, infatti, che stavano indagando sugli illeciti prelevamenti, dopo aver effettuato ulteriori rilievi fotografici ed averli confrontati con i fotogrammi estrapolati in occasione dei prelievi fraudolenti, procedevano, alla identificazione degli stessi romeni, anche attraverso i tatuaggi e le cicatrici presenti sul braccio e sulla mano sinistra dei due, nonché le scarpe indossate dalla Zmaranda identiche a quelle rilevate in occasione dei prelievi illeciti.

Sono in corso serrate attività investigative finalizzate alla cattura del secondo malvivente.

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner