Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 22 ottobre 2017 - Ore 10:28

Massacrati a colpi di bastone 6 cani. E' caccia agli assassini

Massacrati a colpi di bastone 6 cani. E' caccia agli assassini

Italia - Non ha limite la crudeltà umana. Nella giornata di domenica, nel comune di Vieste, ignoti si sono introdotti in un podere recintato ed hanno brutalemente ucciso sei cani, due dei quali cuccioli. Ad occuparsi di loro, alcuni volontari, che nei giorni scorsi li avevano sottoposti a visite mediche, vaccinazioni, sterilizzazione e microchippatura da parte della Asl. A denunciare il vile gesto, l'associazione per la difesa degli animali e dell'ambiente Aidaa.
I cuccioli sono stati gettati e lasciati affogare in un pozzo. I 4 cani adulti Tura, Sempronia, Lele e Nerina invece, sono stati massacrati a bastonate.

I quattro randagi, solo pochi giorni fa erano stati adottati da una persona residente a Vieste che aveva deciso di portarli in un terreno di sua proprietà vicino a Peschici. Dopo aver rotto la recinzione, ignoti si sono introdotti all’interno del podere, sottraendo due cuccioli di pochi mesi di vita e buttandoli in un pozzo per la raccolta di acqua piovana, alto circa quattro metri, dove sono annegati. Il pozzo era regolarmente chiuso. Due cani adulti, Tura e Lele, erano invece a poca distanza dal pozzo, in una cascina parzialmente diroccata e, mentre Lele aveva la mandibola leggermente fracassata e con il muso incuneato in una buca, forse per tentare di sfuggire ai suoi “carnefici, Tura - che all’esame visivo non presentava nulla - potrebbe essere deceduta di paura alla visione del massacro del suo compagno. La scena più atroce appariva in un altro locale della vecchia masseria - la cui porta era stata scassinata - dove una cagna era riversa a terra con la faccia probabilmente fracassata da qualche bastone e l’altra, stesa su un vecchio materasso, con identiche lesioni. I due cani erano in un lago di sangue.

“ Non mi era mai capitato di vedere atti delinquenziali e cattiveria di questa portata e non riesco neanche a spiegarmi il perché ” ha commentato il Dr Baldi Veterinario della ASL e responsabile per il randagismo a Vieste e Peschici – intervenuto sul posto per i primi accertamenti. Gli animalisti di Vieste hanno appreso la notizia con rammarico sono anche loro intervenuti sul posto. “ Queste bestie non facevano male a nessuno e le abbiamo tolte dalla strada proprio per non farle finire sotto una macchina. Le abbiamo curate amorevolmente e ci davano tutto il loro affetto. Di questa morte crudele ci sentiamo “responsabili” – ha detto Francesca Toto non nascondendo le lacrime – perché sarebbero ancora in vita se le avessimo lasciate sulla strada. Ma perché accanirsi cosi duramente verso povere bestie che erano tranquille per i fatti loro e non davano fastidio neanche con il loro abbaiare perché qui siamo lontani da qualsiasi abitazione ?.”

La Redazione


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner