Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 19 novembre 2017 - Ore 18:55

Sequestrati beni mobili e immobili per oltre 1 milione di euro

Sequestrati beni mobili e immobili per oltre 1 milione di euro

Caprarica di Lecce - La Guardia di Finanza di Lecce, al termine di complesse ed articolate indagini, sta procedendo al sequestro di beni mobili ed immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro riconducibili ad un imprenditore della provinciaed ai suoi familiari.

Nel particolare, le Fiamme Gialle del capoluogo salentino stanno dando esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo “per sproporzione” emesso in applicazione della normativa antimafia dal G.I.P. del Tribunale di Lecce Alcide Maritati, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica Giuseppe Capoccia.

Il patrimonio sequestrato – che fa capo ad un 55enne di Caprarica di Lecce, indagato del reato di usura – comprende una società di capitali di Calimera operante nella gestione di bar e sala giochi, una ditta individuale di Cavallino esercente l’attività di commercio all’ingrosso di prodotti per la pulizia, tre abitazioni, un fabbricato, un autocarro e due autovetture, nonché disponibilità bancarie.

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria hanno accertato che diverse erano state le persone (tra esse anche imprenditori e commercianti) che – trovandosi in difficoltà economica – si erano rivolte al succitato soggetto per richiedere la concessione di prestiti poi restituiti con l’applicazione di interessi nettamente superiori al tasso soglia di riferimento.

Tra gli episodi riscostruiti dai militari del G.I.C.O. della Guardia di Finanza si segnala il caso di una commerciante di Calimera che, in cinque anni, aveva chiesto ed ottenuto prestiti per circa 35 mila euro, poi restituiti per una somma complessiva di quasi 60 mila euro, in relazione ai quali, peraltro, aveva dovuto concedere in garanzia effetti cambiari ed assegni sottoscritti anche da propri familiari.

I Finanzieri hanno verificato, inoltre, che per mascherare la reale natura del debito l’indagato era solito richiedere – pur in assenza di rapporti di natura commerciali sottostanti – l’emissione di assegni e cambiali a favore della propria ditta.

All’esito della ricostruzione dell’intero patrimonio dell’indagato e del proprio nucleo familiare, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria hanno rilevato una netta discrasia tra redditi dichiarati ed investimenti effettuati, tanto che il “disavanzo” accertato ha raggiunto, in pochi anni, importi di quasi 154 mila euro.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "CRONACA"
13 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Riparte il servizio operativo della Polizia Locale con il sistema di rilevazione elettronica delle infrazioni al Codice della Strada denominato...

07 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - In merito alla vicenda giudiziaria che vede protagonisti i proprietari del Parco Gondar e presunti abusi edilizi, il presidente...

03 Aprile 2017 - Gallipoli

Gallipoli - Nuovo sequestro preventivo per il Parco Gondar di Gallipoli. Di seguito la nota ufficiale diffusa dallo Staff della struttura:"Con rammarico si...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner