Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 21 novembre 2017 - Ore 16:46

Serge Latouche allo sperimentale tabacchi

Serge Latouche allo sperimentale tabacchi

Lecce - Si è tenuta questa mattina alle ore dieci e trenta presso la sala sp2 dello sperimentale Tabacchi di Lecce, la conferenza di Serge Latouche.

Il filosofo ed economista francese, presidente dell'associazione «La ligne d'horizon», professore emerito di Scienze economiche all’università D’Orsay e presso l'Institut d'études du devoloppement économique et social di Parigi, è tra gli avversari più noti del processo d’occidentalizzazione che da anni ormai fagocita il nostro pianeta, ed accanito sostenitore di fenomeni quali la 
decrescita conviviale ed il localismo.

L’evento, è stato organizzato dall’associazione bottega del mondo “Made in dignity” – Commercio equo e solidale consumo critico coop.soc. onlus, in occasione del loro ventesimo anno di vita, 
in collaborazione con il Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione. 

Tema dell’incontro:” Controsensi e controversie sulla decrescita. Oltre il mito dello sviluppo ed il fallimento dell’economia dei consumi”, argomenti di cui il filosofo-economista parla anche nella sua ultima opera intitolata “Per un’abbondanza frugale”. Moderatori dell’evento Carlo Mileti, presidente Coop. Soc. Commercio Equo e Solidale di Lecce, ed il Prof. Stefano Cristante, 
Presidente Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione dell’Università del 
Salento.

Latouche, durante la conferenza ha ipotizzato un percorso alternativo per uscire dal circolo vizioso che ci assorbe sempre di più. Una società dove a dominare è il concetto sterile di crescita, intesa come “crescita per crescere” e non per soddisfare i bisogni degli individui e migliorare il proprio tenore di vita, ovvero una crescita senza crescita.

Un percorso, quello tracciato da Latouche, che ha lo scopo d’indirizzarci sulla strada delle “decrescita” uscendo così dalla società dei consumi per dirigerci verso una società 
lontana dal concetto di economia capitalista e di mercato. Una nuova società che miri a rompere definitivamente con il paradigma occidentale che ci ha imposto il produttivismo, e la globalizzazione che ormai sta diventando sempre di più mondializzazione, le quali portano a ridurre tutto in mercificazione. 

Una società di mercato dove la parola d’ordine sono lavoro e crescita, che però mai come in questi anni, sembra non vadano più di pari passo con il concetto di benessere, e che allontanano inesorabilmente l’uomo dal raggiungimento della felicità.

Siamo figli di una società che crea bisogni ed insoddisfazione 
attraverso la pubblicità - Ha affermato l'economista - quando per essere felici basterebbe limitare i propri desideri, proprio come insegna la filosofia buddista. Lavorare di meno, per lavorare tutti e vivere meglio, lontani da un illogica politica di consumismo che ci vuole far diventare consumatori da spremere, un processo affascinante a cui fa capo la resilienza, ovvero la capacità di un organismo di R-esistere ai traumi esterni.

Azzurra Monaco


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner