Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Domenica, 22 ottobre 2017 - Ore 05:03

La voce di chi non ha voce: racconti a 4 zampe!

La voce di chi non ha voce: racconti a 4 zampe!

Lecce - Nuovo appuntamento su FuturaTv.it con l'imperdibile rubrica "a quattro zampe", nata dalla collaborazione tra la nostra redazione e le volontarie del canile sanitario di Lecce. Ad accompagnarci in questo viaggio alla scoperta di tante storie interessanti e coinvolgenti dei nostri amici animali, sarà Anna Pierri, volontaria dell'Associazione Nuova Lara che da anni è impegnata nel non semplice compito di gestione del canile. Un lavoro importante, frutto dell'amore verso gli animali e troppo spesso sottovalutato da parte di chi non conosce tale realtà e si lascia influenzare da luoghi comuni da sfatare. Proprio da ciò, l'esigenza da parte delle volontarie di far luce su una così fondamentale attività, subito raccolta da FuturaTv.it, da sempre particolarmente sensibile all'argomento. Nasce così "La voce di chi non ha voce: racconti a 4 zampe!", rubrica a cura di Anna, che oggi vi racconterà la storia di Asha!

"Questa rubrica si chiama La voce di chi non ha voce e questa storia, forse più di tutte, credo possa rappresentarne al meglio il nome. Quando si sono accorte di lei era ormai troppo tardi: Asha (il nome che le è stato dato, che in indiano significa speranza, speranza nata dal primo momento in cui le zie volontarie l'hanno vista, speranza di poterle regalare un futuro migliore.)  è stata sottratta alla custodia di una famiglia che sosteneva di amarla ma che non ha fatto nulla per impedire che il tumore che le ha mutilato mandibola e setto nasale si estendesse, non permettendo di curarne il dolore neanche con i farmaci.

La sua famiglia ha scelto di consegnarla, senza battere ciglio, nelle mani di un destino che non meritava, ha deciso di non ascoltare il suo urlo disperato di aiuto; per questo motivo abbiamo scelto di darle voce attraverso le nostre parole. 

Un anno: immaginate di passare anche più di 365 giorni senza una parte del volto. Immaginate di non avere il dono del linguaggio e quindi di non potervi lamentare, di non poter esprimere la sofferenza attraverso le parole. Ce la fareste a vivere come lei, un anno? Quale madre potrebbe mai lasciare un figlio morire in modo così atroce, senza metà del volto, perché "ai tumori non c'é cura"? Quale madre permetterebbe al figlio di agonizzare nel dolore senza nessuna terapia per un lungo anno?  La “mamma” di Asha ne è stata capace. Ed é stata questa la sfortuna di questa povera piccola. Non aver avuto nessuno che si interessasse sul serio delle sue cure. Ci hanno provato con ogni forza, piccola Asha, ad aiutarti a placare quel dolore con cui convivevi da ormai troppo tempo! Perché non si può vivere, o meglio, sopravvivere così per un anno ed é disumano accettare di vedere un essere vivente in questo stato e star li inermi e indifferenti ad attenderne la morte. Non é quello che vorremmo per nessuno, tanto meno per quel qualcuno che sosteniamo di amare! 

Gli sforzi non sono purtroppo serviti a nulla, perché il veterinario è stato molto chiaro: potevamo solo accompagnarti sul ponte per porre fine alla tua sofferenza, la tua vita non avrebbe potuto tornare ad essere dignitosa, oramai non adesso. Forse ci saremmo riusciti un anno fa, se solo chi adesso continua la sua vita senza rimorsi non avesse scelto di ignorare il tuo problema e chiudere gli occhi; la tua vita ora sarebbe potuta essere migliore e sicuramente più degna di essere chiamata tale. Ma adesso è troppo tardi.

Tutto ciò ci sconvolge, poiché l'omissione di fronte tutto questo, dinnanzi alla tua estrema sofferenza, non é meno grave del male causato in modo attivo: chiudere gli occhi di fronte ad una situazione simile é ingiustificabile, per questo il primo intento di questo racconto è quello di esporre una denuncia, sociale e morale, nei confronti della cattiveria umana e in primis di chi è responsabile di ciò che vediamo in foto, nella speranza che queste immagini servano a chi si lava la coscienza troppo facilmente, servano a suscitare compassione verso qualsiasi essere vivente che soffre. Nessun animale, qualora ne avesse i mezzi, avrebbe  mai lasciato un essere umano nelle medesime condizioni, ma in fondo si sa.. le vere bestie siamo noi. 

“Peccato averti scoperto troppo tardi peccato non aver potuto far di più. Buon ponte piccola Asha, le zie Ilaria, Laura, Faby”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner