Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 18:31

La voce di chi non ha voce: racconti a 4 zampe!

La voce di chi non ha voce: racconti a 4 zampe!

Lecce - Nuovo appuntamento su FuturaTv.it con l'imperdibile rubrica "a quattro zampe", nata dalla collaborazione tra la nostra redazione e le volontarie del canile sanitario di Lecce. Ad accompagnarci in questo viaggio alla scoperta di tante storie interessanti e coinvolgenti dei nostri amici animali, sarà Anna Pierri, volontaria dell'Associazione Nuova Lara che da anni è impegnata nel non semplice compito di gestione del canile. Un lavoro importante, frutto dell'amore verso gli animali e troppo spesso sottovalutato da parte di chi non conosce tale realtà e si lascia influenzare da luoghi comuni da sfatare. Proprio da ciò, l'esigenza da parte delle volontarie di far luce su una così fondamentale attività, subito raccolta da FuturaTv.it, da sempre particolarmente sensibile all'argomento. Nasce così "La voce di chi non ha voce: racconti a 4 zampe!", rubrica a cura di Anna, che oggi vi racconterà come sono "Gli occhi di un cane abbandonato".

"Li riconosci subito gli occhi di una cane abbandonato. Sono invasi da una luce diversa. Sono delusi. Sono come “spezzati”.  Li riconosci gli occhi di un cane che da un momento all’altro ha perso qualcosa, qualcuno. Sono infelici, persi, spenti, vuoti. Non si danno pace. Sono quelli che guardano un punto fisso nel vuoto, sono quelli che fanno mille domande e che non riescono a sentirne le risposte e forse non possono comprendere il linguaggio umano, ma in fondo lo sanno. Sanno cosa è successo, sanno che qualcuno se n’è andato. E loro non sono orgogliosi, vendicativi, rancorosi, loro non sprecano tempo utile come fanno gli esseri umani, a rincorrersi, a lottare a farsi la guerra inutilmente. Loro soffrono, loro sentono il dolore più puro che possa esistere, quello che solo un’anima senza cattiveria può sentire. Loro amano incondizionatamente e allo stesso modo soffrono di quell’amore spezzato. 

Li riconosci gli occhi di un cane abbandonato. Non solo di un cane abbandonato per strada, ma anche abbandonato a se stesso, lasciato nelle mani di qualcun’altro, reso schiavo di una sofferenza che non ha fine perché non ha risposte. Eh no, loro non si chiedono “perché?” loro non sono come noi a loro non importa del perché, importa solo se quel qualcosa o qualcuno, tornerà. “Dove sei? Quando torni?” Sono queste le domande che si leggono negli occhi di un cane abbandonato. Anche in quelli diventati aggressivi che si difendono da chi li vuole salvare. “Non toccarmi, non spostarmi da qui, lui tornerà a prendermi, lo sento”. 

Li riconosci quegli occhi sono quelli che nonostante tu li abbia salvati, resteranno segnati per sempre dall’esperienza più triste che un cane possa subire: avere a che fare con la cattiveria umana. Ora guardate questo paio d’occhi e provate a vedere se non li riconoscete in quanto scritto. Cesare e Max sono due incroci Golden, Cesare è quello nero, ha circa tre anni ed è dolcissimo, da la zampa, va perfettamente a guinzaglio, ha due occhi che addolcirebbero chiunque. Max, quello dal manto chiaro, ha circa due anni ed è un giocherellone vivace che adora correre e stare all’aria aperta. Si cedono, chippati sterilizzati e vaccinati, previo colloquio preaffido.

MAX E CESARE HANNO GLI OCCHI SEGNATI, MA POSSONO ANCORA ESSERE SALVATI

INFO CANILE SANITARIO DI LECCE / rifugioaura@gmail.com / 3203666893 (Anna, volontaria)".


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner