Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 16:50

"Schiavitù. schiavo io", 13 ore di voci per dire NO al caporalato

"Schiavitù. schiavo io", 13 ore di voci per dire NO al caporalato

Nardò - Tredici ore di musica, arte e voci. A Nardò, il 20 settembre, il tempo di una giornata di lavoro nei campi si sposta in piazza Salandra per “Schiavitù. Schiavo io” con artisti, associazioni, gruppi e liberi cittadini, che si incontreranno per dare voce, ognuno con la propria forma d’arte, a un convinto “no” al caporalato e ad ogni forma di schiavitù. 

La Puglia, capitale del turismo e del divertimento, non ce l’ha fatta a stendere un velo sulla cronaca che ha raccontato, ancora una volta, vicende di sfruttamento, schiavitù e, purtroppo, morte. Su tutte, quella di Mohammed Abdullah, 47enne sudanese deceduto il 20 luglio scorso mentre raccoglieva pomodori nelle campagne di Nardò, e quella di Paola Clemente, morta una settimana prima nelle campagne di Andria a 49 anni, per due euro l’ora: vicende che hanno suscitato scalpore riaccendendo i fari su una situazione che persiste, sempre drammatica, da decenni.

Qualche giorno dopo, il 24 luglio, il cantautore Mino De Santis, attraverso la piazza virtuale di Facebook, ha lanciato un messaggio: “Sarebbe bello organizzare una serata, tutti i musicisti di ogni genere, per dire insieme quanto schifo fanno il caporalato e ogni uomo che vive sulla fatica altrui, approfittando dello stato di bisogno di chi è meno fortunato, nero o bianco che sia”. 

Un invito che è stato accolto immediatamente con entusiasmo da centinaia di persone, artisti, giornalisti, attivisti, politici e semplici cittadini. Le adesioni hanno portato alla creazione, sul social, del gruppo “Siamo uomini o caporali?” e, in breve, all’organizzazione dell’evento che si configura come punto di partenza di un treno pronto a percorre nuovi binari. Una “carovana” di persone che, concretamente, aderisce impegnandosi in un percorso condiviso e duraturo, affinché l’attenzione sulla scottante questione non finisca, ancora una volta, seppellita nella terra o all’ombra di una tenda senza servizi che non siano quelli pagati a un caporale, ma si alimenti attraverso la musica, gli incontri, le proposte, i laboratori e le iniziative di sensibilizzazione. Un treno la cui locomotiva è già pronta a partire. 

L’evento offre l’opportunità non solo di prendere posizione “contro” le ingiustizie, la mancanza di umanità, la schiavitù, ma anche di lanciare un messaggio positivo che sia “per” la dignità umana, “per” la salute, “per” la sicurezza, “per” i diritti dei lavoratori, “per” l’abbattimento di muri omertosi fatti di connivenza e opportunismo, di indifferenza o rassegnazione, “per” sensibilizzare e indirizzare le scelte verso una produzione agricola a sfruttamento zero, “per” un consumo etico. 

Si può aderire inviando un’email all’indirizzo di posta elettronica noalcaporalato@yahoo.it oppure partecipare lanciando un pensiero positivo su facebook o twitter preceduto dall’hashtag #schiavituschiavoio, contribuendo alla creazione di un manifesto condiviso. A metterci la faccia, in questa prima fase che promette importanti sviluppi, non ci sono solo artisti, associazioni e cittadini, ma anche politici. Oltre alla collaborazione del Comune di Nardò, che ospiterà questa prima tappa, hanno ufficializzato la propria adesione all’iniziativa i Comuni di Castrignano de’ Greci, Copertino, Melpignano, Morciano di Leuca, Racale e San Cesario di Lecce.

A breve, tutte le novità con il programma della giornata, a cui tutti sono invitati a partecipare.

Tra le prime adesioni a “Schiavitù, schiavo io” ci sono: 

Mino De Santis, Rachele Andrioli, Davide Qba Apollonio, Giuseppe Apollonio, Antonio Aprile, Raffaella Aprile, Stefano Armirotta, Andrea Baccassino e Bashaka Indie, Marco Bardoscia, Leone Marco Bartolo, Sergio Bellavita, Irene Bello, Tiziana Buccarella, Alessandra Caiulo, Alessandro Calabrese, Antonio Calò, Toto Cavalera, Antonella Cazzato, Salvatore Ciriolo, Vittorio Ciurlia, Alessandro Colazzo, Alessandro Colonna, Emanuele Coluccia, Salvatore Coluccia, Daniele Coricciati, Valerio Daniele, Marcello De Carli, Giuseppe delle Donne, Pino De Luca, Raoul De Razza, Gianni De Santis, Rocco De Santis, Massimo Donno, Andrea Doremi, Alessandro Dreker Pheeore, Mauro Durante, Andrea Episcopo, Andrea Favatano, Enzo Fina, Simone Fracasso, Simone Franco, Emanuela Gabrieli, Rocco Gennaro, Alessio Giaffreda, Saverio Giaffreda, Zaira Giangrieco, Ninfa Giannuzzi, Gian Maria Greco, Marina Greco, Stefania Greco, Agostino Indennitate, Marta Innocente, Giancarlo Leuzzi, Marina Leuzzi, Emanuele Licci, Angelo Litti, Gianluca Milanese, Graziano Mandolfo, Roberto Marangone, Luigi Mariano, Salvatore Marra, Valentina Marra, Nadia Martina, Carmen Maruccio, Egidio Marullo, Patrizia Massafra, Francesco Massaro, Massimo Minutello, Gabriele Molendini, Ada Moschettini, Anna Nacci, Lara Napoli, Fulvio Palese, Morris Pellizzari, Enzo Petrachi, Donatello Pisanello, Adriano Piscopello, Gabriele Polimeno, Nando Popu, Biagio Prete, Claudio Prima, Maria Profico, Raf Qu, Franck Quaranta, Emanuele Rag, Piero Rapanà, Maria Renna, Papa Ricky, Danilo Rizzo, Antonio Romano, Fabrizio Saccomanno, Giorgia Santoro, Ilaria Seclì, Pantaleo Sergio, Giuseppe Tarantino, Alessia Tondo, Stefano Torsello, Treble, Aurelia Trianni, Roberto Vantaggiato, Cristiana Verardo, Daniele Vigna, Max Vigneri, Daniele Vitali, Ciccio Zabini, Marcello Zappatore, Ar10, Canto da Sud, Camden, Canzoniere Grecanico Salentino, Duo Sciatrì, Ensemble Terra D’Otranto, gruppo Incanto Copertino, La Rocha, Minosound Farmers, Resina Sonora, Respiro, Salento all stars, Tarantula Rubra, Teatrino Due pollici, Arci Lecce, Arci Eutopia, Arci Nardò Centrale, Arci Nova Acquarica del Capo, Associazione Mujmuné, Fondazione Ant Italia, Ciclofficina, Csv, Diritti a Sud, Onlus Don Tonino Bello Nardò, Associazione culturale Vittorio Bachelet Taviano, Fondo Verri, Guerriglia culturale, Piazza Baratto. 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner