Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 21 ottobre 2017 - Ore 14:18

Uil, riesplode la Cassa Integrazione a maggio

Uil, riesplode la Cassa Integrazione a maggio

Lecce - Nuovo balzo in avanti della cassa integrazione nel mese di maggio. L’aumento del 125,3 per cento rispetto al mese di aprile indica un fabbisogno crescente di questo strumento da parte delle imprese della provincia di Lecce. A rilevarlo è il IV Rapporto mensile sulla cig elaborato dalla Uil– Servizio Politiche del Lavoro su dati Inps. Sono 424.743 le ore complessivamente autorizzate alle aziende salentine nel mese di maggio, contro le 188.563 del mese precedente. Crescono, in particolare, la cig ordinaria (+74,6%, da 172.139 a 300.520 ore) e la cig straordinaria (+887,2%, da 12.584 a 124.223), mentre cala drasticamente la cig in deroga (-100%, da 3.840 a 0 ore). Nei primi cinque mesi del 2015, sono state autorizzate complessivamente 2.008.255 ore.

“Il dato che emerge dalle richieste di ore di cassa integrazione – commenta il segretario generale della Uil di Lecce Salvatore Giannetto - indica che il fabbisogno delle imprese di questo strumento cresce tra aprile e maggio di quest’anno ( + 125%) al netto della continua diminuzione della cassa in deroga dovuta dall’ormai strutturale “fermo” amministrativo  degli stanziamenti del Governo. Continua a crescere, in maniera allarmante, la cassa straordinaria e nuove imprese sembrano affacciarsi al panorama della crisi come evidenzia l’aumento delle ore richieste di cassa integrazione ordinaria. La crisi e la sofferenza delle aziende a livello provinciale è evidente e l’aumento del ricorso alla cassa integrazione è il termometro di questo disagio. Questo strumento continua anche a essere l’unico baluardo per la tenuta di precari equilibri sociali. Da questo punto di vista, il fermo amministrativo della cassa in deroga è davvero preoccupante. Lo stato di crisi continua e la ripresa resta di là da venire. Se invece di deregolamentare il lavoro che c’è, il Governo si preoccupasse di creare nuovo lavoro, facendo investimenti e accrescendo il potere d’acquisto di lavoratori e pensionati, si farebbe davvero cambiare verso all’economia”.

“Un allarme – continua Giannetto - viene anche dalla crescita delle domande di disoccupazione (aspi) di aprile che, a livello nazionale, aumentano in un mese di quasi 10mila unità con il possibile travaso verso l’inoccupazione di lavoratori di imprese che non possono più utilizzare la cassa in deroga. Evidentemente, il precario aumento del Pil non si riflette positivamente  ancora sul sistema produttivo anche per la ormai  cronica mancanza di politiche per la crescita. Lo sblocco e l’implementazione delle risorse della deroga per il 2015 – conclude - resta la principale richiesta che facciamo al Governo”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner