Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 17 agosto 2017 - Ore 11:54

Diminuiscono i contribuenti pugliesi ma aumentano i redditi dichiarati

Diminuiscono i contribuenti pugliesi ma aumentano i redditi dichiarati

Lecce - Diminuiscono i contribuenti pugliesi, ma aumentano i redditi dichiarati. E’ quanto emerge dalla terza indagine sulle dichiarazioni Irpef, condotta dal Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati del Dipartimento delle Finanze. In particolare, l’anno scorso in Puglia, sono stati ben 2.577.466 i contribuenti che hanno assolto all’obbligo di presentazione della dichiarazione ai fini dell’imposta sui redditi delle persone fisiche (Irpef) per l’anno d’imposta 2013. Rappresentano il 6,3 per cento del totale in Italia (40.989.567). Rispetto all’anno precedente sono diminuiti di 21.436 unità, pari allo 0,8 per cento (erano 2.598.902 nel 2013).

Tuttavia, sono stati dichiarati 591,6 milioni di euro in più, pari a un tasso dell’1,5. Il reddito complessivo ammonta a 39,6 miliardi di euro, contro i 39 dell’anno precedente. Il reddito medio, in Puglia, è di 15.630 euro (l’anno precedente era 15.570), contro i 20.700 euro della media nazionale. L’imponibile è di 38,2 miliardi e l’imposta netta è di 6,3 miliardi. La media degli acconti versati è di 1.890 euro, la media dell’Irpef a credito è di 730 euro, quella a debito 790 euro. Sempre in tema di prelievo fiscale, l’incasso dell’addizionale regionale è diminuito da 528,6 a 478,6 milioni (-9,5 per cento). E’ cresciuto, invece, l’incasso dell’addizionale comunale: da 213,2 a 220,4 milioni (+ 3,4 per cento). «I dati elaborati dal nostro centro studi – commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – evidenziano come, pur a fronte diun incremento dei redditi dichiarati, vi sia un inesorabile calo dei cittadini chepresentano le dichiarazioni Irpef, probabilmente perché i relativi redditi sono scesial punto di rientrare nella fascia di esenzione.

È questo un dettaglio che deve far riflettere, ed è anche alla luce di questo dato che va considerato il leggero incremento del reddito medio. Se il calo dell’incasso regionale – continua il Presidente – è riconducibile anche alla revisione delle aliquote per l’anno d’imposta 2013, è chiaro come l’incremento della raccolta a livello comunale sia direttamente legato all’aumentodelle relative addizionali. Negli ultimi anni, anche per far fronte ai tagli dei trasferimenti agli enti locali, la fiscalità locale è letteralmente esplosa. Il combinatodi Imu, Tasi, Tari ed addizionali Irpef sta mettendo a dura prova cittadini ed imprese che, è bene ricordarlo, pagano le imposte anche sugli immobili strumentali. L’attesa riforma fiscale – conclude Sgherza – dovrà considerare un approccio organico anche al problema della tassazione locale per centrare l’obiettivo di una riduzione effettiva e globale della pressione fiscale».


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner