Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 22:20

#Amicia4zampe: assistenza ai cuccioli orfani

#Amicia4zampe: assistenza ai cuccioli orfani

Lecce - Nuovo appuntamento con la nostra rubrica "a 4 zampe", grazie alla quale potremo comprendere meglio il mondo dei nostri animali domestici, cercando di apprendere e di conoscere tutti gli strumenti necessari per capire e soddisfare le loro esigenze. Per far ciò, ci avvarremo dell'ausilio e dell'esperienza di medici veterinari, di professionisti del settore e di validi esperti in materia, i quali ci condurranno in questo viaggio alla scoperta di tutto ciò che può essere utile per prenderci cura dei nostri amici animali. Quest'oggi, la dottoressa Rachele D'Amico, medico veterinario leccese ci parlerà di assistenza ai cuccioli orfani.

"Purtroppo non di rado capita che alcuni cuccioli non possano ricevere le cure materne necessarie a causa di svariati motivi: morte della madre, agalassia (mancata produzione di latte da parte della madre), assenza di istinto materno, cucciolate troppo numerose, o, nel peggiore dei casi, cuccioli ritrovati crudelmente abbandonati e non ancora svezzati. È nostro compito, allora, prendercene cura senza sapere, a volte, come comportarci. Ecco alcuni pratici consigli. La soluzione migliore - afferma la dottoressa D'Amico - sarebbe quella di trovare una “balia”, cioè una femmina che abbia appena partorito e che sostituisca la madre naturale, ma purtroppo non sempre è possibile e, soprattutto, spesso non si riesce a farlo in tempi brevi. Se il cucciolo non ha assunto il colostro (il primo latte, ricco di nutrienti e anticorpi) le sue possibilità di sopravvivenza potranno ridursi notevolmente".

"I fattori a cui dobbiamo prestare maggiore attenzione sono diversi. Temperatura ambientale: i cuccioli e i gattini sono incapaci a termoregolarsi, per questo è fondamentale prestare molta attenzione alla temperatura dell'ambiente che li circonda; durante la prima settimana è necessario mantenere una temperatura intorno ai 30°C, per poi scendere intorno ai 25-27 °C a partire dalla seconda settimana, attraverso l'utilizzo di incubatrici, camere calde, materassini ad acqua calda, coperte, lampade a infrarossi e quanto più si riesca a reperire, secondo le proprie possibilità. Igiene: l'ambiente deve essere molto pulito, perchè le difese immunitarie dei nostri cuccioli e gattini sono molto basse. Inoltre - continua Rachele D'Amico - bisogna prestare molta attenzione anche all'igiene dei piccoli: utilizzando del cotone imbevuto di acqua tiepida si può pulire costantemente la zona genitale, stimolando così la defecazione e la minzione, mimando quello che naturalmente fa la madre leccando i piccoli. I cuccioli, soprattutto nei primi giorni, hanno bisogno di essere continuamente stimolati per eliminare feci e urine. Alimentazione: le poppate devono essere regolari (ogni 2-3 ore) utlizzando un latte artificiale di buona qualità, specifico per il cucciolo o per il gattino. Soltanto in condizioni di reale necessità, e qualora non si avessero a disposizione nell'immediatezza preparati commerciali, si può ricorrere all'utilizzo di diete casalinghe, da utilizzare SOLO per un breve periodo di tempo. Si possono preparare, ad esempio, formulazioni a base di latte intero e tuorli d'uovo, che il vostro Veterinario vi dirà come bilanciare".

"Alimentare un cucciolo o un gattino comporta sempre una certa dose di rischio: pur avendo pratica ed esperienza , esiste la possibilità che si instauri una polmonite ab-ingestis, quando l'alimento termina nelle vie respiratorie, causando tosse e fuoriuscita di latte dalle narici. Se ciò dovesse accadere contattate subito un Veterinario. Lo svezzamento (il passaggio, cioè, dall'alimentazione liquida a quella solida) inizia mediamente intorno al 30° giorno d'età; devono essere utilizzati cibi specifici di buona qualità, preferendo magari prima quelli umidi e poi, gradualmente, inserendo quelli secchi. Allevare un cucciolo o un gattino orfano - conclude la dottoressa - comporta impegno e sacrificio, e dobbiamo sempre tener conto che, purtroppo, a volte nonostante la completa dedizione potremmo avere qualche insuccesso". 

Per Info: Ambulatorio Veterinario Associato di Rachele D'Amico e Davide De Guz, via Gabriele Caiulo 12 (73100 - Lecce). Visite e chirurgia su cani, gatti ed animali esotici. E-mail: ambulatoriovetassociato@gmail.com, Dr.ssa Rachele D'Amico: 328-8766330/ Davide De Guz: 380-5165046. APERTO DAL LUNEDì AL VENERDì: ORARIO CONTINUATO DALLE 9.30 ALLE ORE 19.30. IL SABATO APERTO DALLE ORE 10 ALLE ORE 13.30.

#Amicia4zampe: Sei un veterinario, un educatore cinofilo, un addestratore, un allevatore o un semplice conoscitore del mondo dei nostri amici a 4 zampe e vorresti dire la tua? #FuturaTv ha pensato ad una nuova rubrica che fa per te! Se vuoi saperne di più contattaci sulla nostra pagina Facebook o al nostro indirizzo mail: info@futuratv.it. Se invece volete fare qualche domanda ai nostri veterinari o suggerirci un argomento da trattare nelle prossime settimane, scriveteci a info@futuratv.it. Vi aspettiamo!

La Redazione


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner