Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Martedì, 22 agosto 2017 - Ore 18:58

A novembre riesplode la Cig: in aumento del 541%

A novembre riesplode la Cig: in aumento del 541%

Lecce - A novembre riesplode la cassa integrazione in deroga in provincia di Lecce, in aumento del 541% sul precedente mese di ottobre e dell’ 88% su novembre 2013. È quanto emerge dall’ XI Rapporto mensile redatto dalla Uil di Lecce – Servizio Politiche del lavoro e della Formazione - su dati Inps. Nello specifico, le ore di cig in deroga autorizzate alle aziende salentine sono 122.664, contro le 19.123 del mese precedente e le 65.037 di novembre 2013. Si tratta del picco più alto registrato in Puglia: seguono Foggia (+132,8), Bari (+132,1%), Taranto (+85,6) e Brindisi (+23,5).

“Quando in un mese si registra un tale aumento, nonostante il sostanziale rallentamento delle procedure per dare il via alle richieste di cassa in deroga, significa che il sistema produttivo non dà segnali di reazione - commenta il segretario provinciale Salvatore Giannetto -. D’altronde il dato sull'uso degli ammortizzatori è perfettamente corrispondente a tutti gli altri indicatori macroeconomici: zero crescita, meno consumi, alta pressione fiscale, calo degli investimenti”.

Registrano invece un calo di 76 punti percentuali gli interventi di cassa ordinaria (Cigo) passati da 286.024 ore di ottobre a quasi 67mila ore di novembre. In calo anche la cassa straordinaria (Cigs) le cui ore autorizzate a novembre (84.394) segnano una contrazione dell’88,6% rispetto al precedente mese di ottobre (211.645). Complessivamente, secondo il rapporto della Uil di Lecce, tra ottobre e novembre il ricorso alla cig è calato del 47 per cento (da 516.792 a 274.037), segno della sfiducia che ormai regna sovrana tra gli imprenditori salentini. 

“Anche nel 2014 – evidenzia Giannetto - a livello pugliese si supereranno i 50 milioni di ore, ben distanti dai livelli pre-crisi (al di sotto dei 15 milioni). I dati mettono dunque in evidenza l’importanza rivestita dalle diverse forme di cassa integrazione, che hanno consentito di salvaguardare migliaia di posti di lavoro. La realtà non è affatto rosea, non ci sono segnali di ripresa: molte aziende salentine hanno terminato la cassa integrazione e, laddove possibile, ricorrono alla mobilità che equivale al licenziamento dei lavoratori, mentre tante altre sono in forte difficoltà economica. Di fronte a questa situazione – osserva il segretario generale Uil Lecce - sarebbe saggio da parte del Governo, nel momento in cui si accinge a scrivere il decreto legislativo sugli Ammortizzatori sociali, evitare di depotenziare uno strumento, quello della cassa integrazione, che ha garantito non solo reddito a centinaia di migliaia di persone ma anche aiutato a risolvere importanti vertenze aziendali. Mantenere siti produttivi con i lavoratori in attività è interesse di tutti e pensare di risolvere il tutto con un presunto allungamento dell’indennità di disoccupazione (Nuova Aspi) non è utile ne risolutivo sia per  lavoratori che per il nostro sistema produttivo”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner