Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Mercoledì, 23 agosto 2017 - Ore 06:27

#Amicia4zampe: come proteggere cani e gatti dalle pulci

#Amicia4zampe: come proteggere cani e gatti dalle pulci

Lecce - Torna anche oggi, l'appuntamento settimanale con la nostra rubrica "a 4 zampe", grazie alla quale potremo comprendere meglio il mondo dei nostri animali domestici, cercando di apprendere e di conoscere tutti gli strumenti necessari per capire e soddisfare le loro esigenze. Per far ciò, ci avvarremo dell'ausilio e dell'esperienza di medici veterinari, di professionisti del settore e di validi esperti in materia, i quali ci condurranno in questo viaggio alla scoperta di tutto ciò che può essere utile per prenderci cura dei nostri amici animali. Quest'oggi, la dottoressa Rachele D'Amico, medico veterinario leccese, ci parlerà di uno dei parassiti più temuti dai nostri amici pelosetti: la Pulce

"Le pulci sono i parassiti cutanei più comuni dei nostri animali da compagnia - afferma Rachele D'Amico. Sono insetti privi di ali che si nutrono di sangue, possono saltare diverse decine di centimetri di altezza e si annidano nel pelo degli animali. Possono vivere diverse settimane e durante tale periodo possono produrre 20-30 uova al giorno. Questi parassiti sono così comuni che cani e gatti non sottoposti a trattamenti antiparassitari sono quasi certamente infestati, a volte anche se non escono mai di casa. Le pulci sono piccole e velocissime, pertanto sono difficili da vedere. Ciò che però si può osservare con una certa facilità son le loro feci, che appaiono come puntini neri, simili a granelli di sabbia, tra il pelo. Se raccogliamo questo materiale e lo mettiamo su della carta bagnata vediamo formarsi un alone rossastro intorno ad ogni puntino, perché le feci di pulce sono costituite da sangue digerito".

"Se l’animale si gratta e si mordicchia con insistenza eccessiva - continua - può essere a causa delle pulci. I sintomi più comuni dell’infestazione da pulci sono: prurito, irritazione cutanea, leccamento e mordicchiamento della cute, perdita di pelo, eritema, comparsa di croste. Le pulci tipicamente si localizzano su dorso di cani e gatti, verso la base della coda. È quindi in questo punto che gli animali infestati presentano più prurito e lesioni da grattamento. Se il prurito si manifesta principalmente in altre zone (es. orecchie, faccia, estremità delle zampe) è invece possibile che vi siano altre cause. Le pulci non causano solo irritazione, prurito e lesioni alla pelle: in caso di forte infestazione possono causare una grave anemia, soprattutto in cuccioli e gattini. Inoltre, le pulci possono trasmettere a cani e gatti la tenia, per un complesso ciclo biologico che vede la pulce il vettore di questo parassita intestinale; quando viene diagnosticata un’infestazione da tenia contemporaneamente si effettua sempre un trattamento contro le pulci (e viceversa!)".

"Molti animali - prosegue la dottoressa - sono infestati da pulci senza risentirne particolarmente, mentre altri presentano un prurito insopportabile anche per pochi parassiti. Questo perché alcuni cani e gatti diventano allergici alla saliva delle pulci e per una singola puntura continuano ad avere prurito per settimane. Nei soggetti allergici i sintomi cutanei dell’infestazione da pulci possono diventare particolarmente gravi, con escoriazioni diffuse, perdita di pelo, infezioni cutanee secondarie da batteri o lieviti per lo più. Cani e gatti si possono infestare facilmente quando escono all’aperto, dove sono passati altri animali infestati, ma non solo: le pulci possono facilmente essere presenti anche in animali che non escono mai di casa, perché possiamo accidentalmente veicolare una pulce e farla arrivare in casa. Basta una sola pulce per iniziare un ciclo di infestazione. Le pulci adulte passano la maggior parte della loro vita su un animale, sul quale depongono le uova. Queste uova non restano sulla pelle ma cadono in terra, su tappeti, divani, poltrone, letti e coperte; da queste uova origineranno le larve che poi diverranno nuove pulci adulte, pronte a saltare sul primo animale di passaggio. La durata del ciclo vitale dipende da alcune variabili come temperatura e umidità; nelle condizioni più favorevoli può richiedere appena 16 giorni. Per questo le pulci sono molto più abbondanti nelle stagioni calde".

"Negli ultimi anni sono stati messi in commercio numerosi prodotti molto validi per eliminare le pulci, che hanno completamente rimpiazzato i vecchi prodotti (molto meno efficaci e più tossici) come shampoo, polveri, collari. I nuovi prodotti, sotto forma di fiale da applicare sulla cute o compresse da somministrare per bocca, sono estremamente efficaci, sono attivi per un mese o più con una singola dose e coprono l’intero ciclo riproduttivo delle pulci, rendendo superfluo il trattamento dell’ambiente per eliminare le larve di pulce in fase di sviluppo. Secondo il tipo di animale e l’ambiente in cui vive, il veterinario può consigliare il prodotto più specifico caso per caso. L’importante è ricordare che vanno trattati contemporaneamente tutti gli animali presenti (cani, gatti, furetti, conigli) e che non tutti i prodotti si possono usare su ciascuna specie animale: alcuni prodotti per cani, per esempio, sono tossici nei gatti".

"Il trattamento si esegue di norma dall’inizio di marzo fino a novembre, e si sospende nella stagione fredda. Tuttavia - conclude la dottoressa D'Amico - le pulci possono replicarsi e prosperare anche durante l’inverno al caldo degli appartamenti, quindi la durata dei trattamenti va valutata caso per caso. Nei cani e gatti che presentano allergia alle pulci è necessario un controllo continuo dei parassiti perché i pazienti rimangano liberi dai sintomi. Un’esposizione anche minima in questi soggetti ipersensibili può essere sufficiente a perpetuare il prurito. Pertanto il trattamento va effettuato tutto l’anno, sia nei soggetti allergici che in quelli non allergici conviventi".

Per Info: Ambulatorio Veterinario Associato di Rachele D'Amico e Davide De Guz, via Gabriele Caiulo 12 (73100 - Lecce). Visite e chirurgia su cani, gatti ed animali esotici. E-mail: ambulatoriovetassociato@gmail.com, Dr.ssa Rachele D'Amico: 328-8766330/ Davide De Guz: 380-5165046. APERTO DAL LUNEDì AL VENERDì: ORARIO CONTINUATO DALLE 9.30 ALLE ORE 19.30. IL SABATO APERTO DALLE ORE 10 ALLE ORE 13.30.

#Amicia4zampe: Sei un veterinario, un educatore cinofilo, un addestratore, un allevatore o un semplice conoscitore del mondo dei nostri amici a 4 zampe e vorresti dire la tua? #FuturaTv ha pensato ad una nuova rubrica che fa per te! Se vuoi saperne di più contattaci sulla nostra pagina Facebook o al nostro indirizzo mail: info@futuratv.it. Se invece volete fare qualche domanda ai nostri veterinari o suggerirci un argomento da trattare nelle prossime settimane, scriveteci a info@futuratv.it. Vi aspettiamo! 

La Redazione


Foto relative alla notizia

Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner