Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 05:12

Casa, nido e nodo della donna, in un dibattito coinvolgente con Ida Farè

Casa, nido e nodo della donna, in un dibattito coinvolgente con Ida Farè

Lecce - Un interessante e coinvolgente incontro/dibattito quello tenuto ieri nell'ex Conservatorio Sant'Anna a Lecce, organizzato dalla Casa delle Donne di Lecce e promosso dalla Libera Federazione Donne all'interno dei diversi seminari e incontri allestiti in occasione della mise en place dello spettacolo "I monologhi della vagina".

L'incontro, dal titolo "Sessuare lo spazio", è stato introdotto da Antonella Mangia, referente della Casa delle donne, ed affrontato dall'architetta Loredana Magurano e da Ida Farè, docente della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano.

Ida Farè, facente parte del gruppo Vanda, ha condotto diverse ricerche assieme ad altre ricercatrici e studentesse all'interno del "Laboratorio di ricerca su teoria e opere femminili in architettura". Partendo dalla casa primitiva e analizzando tutte quelle a venire, le studiose hanno studiato il cambiamento della concezione femminile dello spazio.

Da un lato, ha affermato la professoressa, la nascita della modernità ha intrappolato la donna nella sua casa come in una prigione, in quanto nel Medioevo l'abitazione era una via di mezzo fra le mura e la strada, indefinita, e la donna coltivava ancora l'arte dei mestieri.

La casa diventa, quindi, sia il nido che il nodo della donna, strettamente legata alla sua natura che la vede capace, in maniera innata, di prendersi cura degli altri e di avere nozioni utili in ogni materia che concerne il vivere con altre persone lo stesso spazio.

La peculiarità della donna è, infatti, quella di vivere e pensare una casa rispetto alle relazioni. Ecco dunque, che il salotto è una camera prettamente femminile, inventata dalla donna e arredata dalla stessa per poter coltivare le relazioni più personali. Ma non solo. I salotti hanno rappresentato, soprattutto nel passato, l'anticamera della politica, delle ideologie, e sono stati spesso frequentati da filosofi e poeti.

La donna è caratterizzata, come ha sapientemente riassunto ieri Ida Farè, da un'innata intelligenza domestica e dal cosiddetto "bricolage del possibile", oltre che dalla cura, definita dalla Dottoressa come "un corpo a corpo".

La Libera Federazione Donne, composta da 9 associazioni, è dunque uno spazio di valorizzazione non solo della donna in sè, ma soprattutto del suo pensiero e delle sue idee; uno spazio pubblico per le donne che desiderano essere soggetto politico della loro città.

Ed è proprio verso la città che è rivolto il focus del dibattito, in quanto è oggi fondamentale riappropriarsi di uno spazio sociale che non sia pensato solo per gli uomini.

Marcella Barone


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner