Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Venerdì, 18 agosto 2017 - Ore 14:51

Partite Iva: aumentano Bari e Bat, sprofondano Taranto e Lecce

Partite Iva: aumentano Bari e Bat, sprofondano Taranto e Lecce

Lecce - Aumentano le aperture di nuove partite Iva nelle province di Bari e di Barletta-Andria-Trani. A rilevarlo è il Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia che ha elaborato i dati del Dipartimento delle Finanze. Nello studio rientrano i liberi professionisti (come avvocati, medici, architetti), le ditte individuali, le società di persone, le società di capitali e le altre forme giuridiche. In particolare, nel 2013, in provincia di Bari, sono state accese 10.568 posizioni fiscali contro le 10.488 dell’anno precedente. Si registra, dunque, un incremento di 80 partite iva, pari allo 0,8 per cento.

Una crescita maggiore si riscontra nella provincia della Bat che da 3.342 del 2012 sale a 3.437 nel 2013. La variazione, in questo caso, è di 95 posizioni fiscali in più, pari al 2,8 per cento. In calo, invece, l’andamento a Brindisi: meno 2,3 per cento (da 3.366 si scende a 3.290). A Foggia la flessione si ferma sotto il 4 per cento (da 5.960 a 5.726). «Sprofondano» Taranto e Lecce, rispettivamente dell’8,1 per cento e del 10,7. Più precisamente, Taranto passa da 4.839 a 4.447, mentre Lecce da 8.261 a 7.378.

Per un totale di 34.846 nuove partite Iva aperte nel 2013 in Puglia, contro le 36.256 dell’anno precedente. La diminuzione è di 1.410 posizioni fiscali, pari ad un tasso negativo del 3,9. «I dati elaborati dal nostro Centro studi – commenta Francesco Sgherza, Presidente di Confartigianato Imprese Puglia – dipingono un quadro dai tratti estremamente contrastanti. Pur in presenza di leggeri recuperi nelle province di Bari e Bat, l’emorragia delle partite Iva continua ad avere connotati inquietanti nelle restanti province, specie in quelle di Lecce e di Taranto. E’ intuibile che le principali vittime di tale diminuzione siano non già le cosiddette “partite fittizie”, per le quali la legge 92/2012 dimostrerà presto i suoi effetti di contrasto, ma i lavoratori autonomi, i professionisti e le imprese. Ancor più allarmante – aggiunge il Presidente – è che questa caduta verticale continui in maniera quasi inarrestabile, nonostante l’adozione, a livello nazionale, di regimi fiscali agevolati per particolari categorie o, a livello regionale, di interventi volti all’incentivazione dell’auto-imprenditorialità. E’ evidente – conclude Sgherza – che occorre adottare con estrema urgenza contromisure più efficaci e capillari per arrestare la caduta e favorire la ripopolazione imprenditoriale dell’intero territorio di cui il numero di partite Iva costituisce il più precoce indice rivelatore».


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner