Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Sabato, 19 agosto 2017 - Ore 11:26

Si insedia il nuovo Consiglio dell’Ordine, riconfermato Massimo Crusi

Si insedia il nuovo Consiglio dell’Ordine, riconfermato Massimo Crusi

Lecce - Massimo Crusi, presidente; Patrizia Lucia Scarlino e Antonello Sforza, vicepresidenti; Fabiana Cicirillo segretario, Flavio De Carlo, tesoriere.
Così la decisione del nuovo Consiglio dell’Ordine Architetti PPC di Lecce, insediatosi lunedì scorso con la prima riunione dopo le elezioni del luglio scorso che avevano riconfermato a larghissima maggioranza il Consiglio uscente, eleggendo Massimo Crusi con 476 preferenze e , a seguire, Patrizia Scarlino (399 preferenze), Fabiana Cicirillo (363 preferenze), Flavio De Carlo (340 preferenze), Antonello Sforza (328 preferenze), Nicoletta Cavalera (320 voti), Alessandro Epifani (317 preferenze), Rocco De Matteis (299 preferenze), Andrea Toscano (281 preferenze), Vincenzo D’Alba (241 preferenze), Fabio Rimo (299 preferenze, sezione architetti junior).

“Abbiamo dinanzi a noi un periodo di intenso lavoro”, dice Massimo Crusi, “per realizzare compiutamente il programma presentato in sede di elezioni, portare a termine quanto avviato già nei primi mesi del 2013, concretizzare l’impegno assunto di favorire in tutti i modi la partecipazione degli iscritti alle attività dell’Ordine e contribuire a fare dell’Ordine la “casa di tutti gli architetti”.

Un programma che scorre oltretutto su due binari, dal momento che Lecce è anche la sede, pro-tempore e per due anni ancora, della Federazione regionale degli Ordini degli Architetti PPC di Puglia, che vede presidente lo stesso Crusi.

“Due momenti fortemente connessi tra di loro”, prosegue Crusi. “Per statuto infatti la sede della Federazione segue il Presidente, ma soprattutto l’azione istituzionale e di sistema della Federazione ha bisogno del coinvolgimento attivo e partecipe di tutti i Consigli degli Ordini.
Costituita nel dicembre scorso, la Federazione in questi mesi ha quasi bruciato le tappe, attuando quel principio di rete e di sistema auspicato da tempo. Solo per fare un piccolo ma significativo esempio: ieri sono partiti contemporaneamente, cosa mai accaduta prima e segno della volontà di un lavoro comune teso a valorizzare il sistema regionale, seimila inviti a tutti gli architetti pugliesi per la partecipazione ad un Corso sulla protezione civile, a numero chiuso, promosso nell’ambito dell’accordo tra Consiglio nazionale e Dipartimento Nazionale della Protezione Civile. Per la prima volta, un corso rivolto alla intera comunità degli architetti pugliesi. Così come a tutti gli architetti pugliesi era rivolto il Convegno sugli studi di settore svoltosi a giugno e trasmesso via streaming, e il Concorso di idee per la progettazione del logo e dell’immagine coordinata, vinto dall’architetto Antonio Curto.

D’altra parte, era sottoscritta da tutte le Federazioni e Consulte regionali dei tecnici, evento mai accaduto prima, anche la lettera inviata alla Regione Puglia in merito alla PPTR, sulla coerenza tra procedimenti in itinere e dettato del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, di cui discuteremo proprio domani (giovedì per chi legge, ndr), a Bari, in sede di commissione referente”.

E proprio il lavoro di analisi sul PPTR vedrà impegnato il Consiglio, nell’attuazione di un calendario di incontri promossi sul territorio provinciale nelle aree individuate dai Gruppi territoriali.
“Il PPTR”, sottolinea Massimo Crusi, “è uno strumento prezioso, che deve poter vedere la luce. Per questo è necessario tenerlo lontano da dispute di ordine più che ideologico direi teologico, quasi fosse qualcosa da accettare o rifiutare in blocco. Le polemiche innescate hanno prodotto una radicalizzazione su posizioni estreme, queste sì dannose per il Piano e per la natura disciplinare dello strumento. Non ci interessa una radicalità di questa natura, e direi che non è utile a nessuno, tantomeno a rafforzare gli assunti di partenza del Piano”.

Nel frattempo e sugli altri versanti, sono già stati pubblicati i bandi per la presentazione dei curricula finalizzati alla presenza nei Collegi di disciplina, e partirà a giorni l’attività di redazione del POF sulla formazione permanente obbligatoria.

“Fare dell’Ordine la Casa di tutti gli architetti: è stata questa la massima che ci ha contraddistinto nel lavoro in tutti questi anni e che intendiamo rafforzare”, conclude Crusi. “Il momento che viviamo è delicatissimo a tutti i livelli, e anche per la nostra professione. E una Istituzione come la nostra non può evidentemente rimanere insensibile”.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner