Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 24 agosto 2017 - Ore 01:12

Nonostante la crisi ogni famiglia butta nel bidone 198 chili di cibo l’anno

Nonostante la crisi ogni famiglia butta nel bidone 198 chili di cibo l’anno

Italia - “La crisi morde, ma nelle case degli italiani ancora troppo cibo va a finire nel bidone. Se le cifre degli sprechi sono diminuite, facendo cambiare abitudini a un consumatore su quattro, nel nostro Paese ancora oggi ogni famiglia butta direttamente nella spazzatura 198 chili di alimenti commestibili. Uno scandalo dal punto di vista economico ed etico, soprattutto se si pensa che solo negli ultimi tre anni in Italia il numero degli indigenti è cresciuto del 33 per cento”. Lo afferma il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente.

“Cresce tra gli italiani la capacità di risparmiare e di riciclare gli avanzi, a riprova della fase economica di estrema difficoltà delle famiglie. Ma anche se negli ultimi due anni gli sprechi alimentari sono diminuiti del 25 per cento, ancora oggi -rimarca il presidente della Cia- rimane troppo alto il numero di chi non sa organizzare la propria spesa alimentare e finisce per far scadere gli alimenti nel frigo o per non dosare efficacemente le quantità da mettere nel carrello. Ed è così che nonostante oggi in Italia 16 milioni di famiglie siano costrette a diminuire gli acquisti di cibo, è proprio tra le mura domestiche che si concentra più del 40 per cento del totale degli sprechi del Belpaese”.

“Nonostante la crisi, infatti, ogni famiglia spende mediamente 500 euro in alimenti che non consumerà -sottolinea Politi- gettando nella pattumiera il 10 per cento della spesa mensile. Complici soprattutto gli stili di vita frenetici e la scarsa capacità di conservare adeguatamente i cibi, a finire nel pattume con più frequenza sono i prodotti freschi (39 per cento), come latticini, uova, carne e preparati, ma anche il pane (19 per cento) la frutta e la verdura (17 per cento) e il 4 per cento della pasta”.

“C’è bisogno, quindi, di una maggiore consapevolezza da parte di tutti. Oggi più mai è necessario -conclude il presidente della Cia- acquisire una coscienza solidaristica orientata al risparmio, evitando sprechi inutili”.

 


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner