Rimani aggiornato su ciò che accade nel Salento.
Diventa Fan di FuturaTv!
Chiudi

Segnala la notizia ad un amico

Il tuo messaggio è stato inviato correttamente. Grazie.

Il tuo messaggio non è stato inviato.

Quotidiano Lecce, Salento

- Giovedì, 23 novembre 2017 - Ore 17:46

Dai casinò galleggianti dell’Islanda, all’Eurovegas spagnolo

Dai casinò galleggianti dell’Islanda, all’Eurovegas spagnolo

Italia - Non intendono rinunciare alle risorse provenienti dai casinò le aziende islandesi del settore del gioco d’azzardo, che si preparano a dare filo da torcere ad un governo che vuole proibirne la diffusione sull’isola, mettendolo al bando. Secondo quanto riportato dal portale Casinotop10, alcune società si stanno infatti organizzando per lanciare la loro controffensiva; si tratta, per come sono stati ribattezzati, dei cosiddetti “casinò galleggianti”, case da gioco ospitate in nave da crociera extra-lusso attraccate proprio a largo dell’isola. Almeno sei, e pronte ad accogliere 2000 giocatori ciascuna, quelle che prevede il progetto iniziale.

Il governo islandese sembra, tuttavia, andare letteralmente controtendenza rispetto alla media europea, dove negli ultimi anni si sono invece approvate norme per legalizzare e liberalizzare il gioco d’azzardo. In Spagna, per esempio, è già possibile detrarre dalla dichiarazione dei redditi le perdite al casinò. Del resto, a Madrid, aprirà tra poco i battenti l’Eurovegas di Sheldon Adelson, imprenditore americano del settore, che ha sbancano con i suoi casinò di successo, ampliando il suo impero multimiliardario dalla Pennsylvania sino a Macao e Singapore. Un investimento pari a 35 miliardi di dollari quello previsto per Madrid, il “paese delle meraviglie” del divertimento disimpegnato con 12 resort e 6 casinò, 9 teatri, 3 campi da golf, a quanto pare anche uno stadio. Un progetto faraonico che sino alla fine è stato conteso da Barcellona, meta del divertimento spagnolo per antonomasia.

Un progetto simile, ma che prevede l’investimento di “solo”, si fa per dire, 50 milioni di euro è quello che la Francia ha invece promosso per Marsiglia, della quale vuole riqualifica il quartiere della città che una volta ospitava la Compagnia generale Transatlantica. La struttura sarà avanguardistica, come quella del rinnovato Museo del Mediterraneo e che ha trascinato la città alla ribalta negli ultimi anni, e prevederà non solo casinò e resort, ma ancora uffici, negozi, abitazioni, un luogo quindi per i visitatori ma anche per i cittadini, per riappropriarsi di una parte di Marsiglia che si stava degradando.

Non meno importanti,  per fare un ultimo esempio, anche gli investimenti a Vladivostock, in Russia. Qui non si pagano tasse per coloro che investono nella costruzione di casinò e resort. L’obiettivo è fare della città una competitor di Macao e Singapore, e attirare i giocatori asiatici. Tutte queste iniziative sono volte a sanare in parte i bilanci nazionali in un momento di crisi fortissima in cui il gioco d’azzardo sembra uno dei pochi ad essere in crescita, e non subire alcun contraccolpo. E certo, benché questo tipo di attività siano poi sempre difficili da gestire, a Madrid faranno comodo i 250 mila posti di lavoro creati dal progetto di Adelson.


Social:
OkNotizie
Segnala notizia


Link sponsorizzato
ULTIME NOTIZIE DI "ATTUALITà"
12 Luglio 2017 - Lecce

Lecce - Si è da poco concluso lo scambio culturale “United We Win”, organizzato dall'associazione Arca del Blues di Lecce a Cortemilia dal...

17 Maggio 2017 - Lecce

Lecce - Si chiama Officina Informatica Solidale ed è un vero e proprio laboratorio informatico aperto a tutti e in cui si potranno riparare...

29 Marzo 2017 - Italia

Italia - La Fondazione Megamark di Trani, in collaborazione con i supermercati Dok, Famila e Iperfamila, promuove una nuova iniziativa di solidarietà...



  • Lascia un tuo commento... senza registrarti!
Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatoria - non sarà pubblicata)
Testo del commento (obbligatorio)



Banner
Banner
Banner